Buona quarta domenica di Avvento

In questa quarta Domenica di Avvento la liturgia ci presenta il dramma di Giuseppe di fronte alla vicenda di Maria, sua promessa sposa, incinta per opera dello Spirito Santo. Uomo giusto, non vuole accusarla pubblicamente e pensa di ripudiarla in segreto. Ma, in sogno, gli appare un angelo del Signore che dice: 
«Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». 
Delicata e imbarazzante è certamente la situazione per Giuseppe: la sua fidanzata è inaspettatamente incinta, e lui cerca di trovare una soluzione di buon senso, per salvare dignità e onore di tutti e due. Rispetto e disagio si agitano in lui: anche perché la legge in realtà imponeva una pubblica denuncia contro la donna, con un ripudio formale che la doveva esporre al biasimo sociale. Non si poteva fare un ripudio di nascosto. Nella notte Dio manda un angelo a sciogliere ogni imbarazzo: quel figlio non è frutto di infedeltà, ma dono della fedeltà di Dio stesso, il Dio della vita. È il dono atteso dai secoli per la salvezza del popolo, per una nuova speranza che trasformerà la storia. A Giuseppe è chiesto di essere accanto a quel figlio come “padre” in nome di Dio Padre. Dare forma e volto a Dio Padre, per il buon nome di quella famiglia, per l’equilibrio affettivo e psicologico del bimbo, proteggendolo, educandolo, amandolo come farebbe “Dio padre”. Una grande responsabilità per Giuseppe, ma anche una grande fiducia da parte di Dio. Dio gli ha donato un ruolo unico e originale: offrire il volto e il cuore di una vera “paternità” a sostegno di Colui che sarà il “Dio con noi”, l’Emmanuel. E Giuseppe è stato all’altezza, con umile fedeltà.  (Padre Bruno Secondin)

Annunci

Informazioni su giudig

Non mi piace essere assorbita dalla mentalità del mondo. Ci sono, ma amo fermarmi e assaporare la Vita, attimo per attimo, con le sue gioie e i suoi dolori. E' un dono di Dio e come tale non va sprecata. Amo colui che mi ama da sempre e per sempre. Dio.
Questa voce è stata pubblicata in amore, fede, natale, paura, speranza, verità, vita. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Buona quarta domenica di Avvento

  1. Nonnolele ha detto:

    Tanti auguri di Buon Natele, Diggiu

  2. piccic ha detto:

    Chissà perché questo P. Secondin ha sentito l’esigenza di mettere “padre” tra virgolette.
    E immagino anche che "l“equlibrio affettivo e piscologico” è un concetto abbastanza estraneo alla semplicità del vissuto giudaico di allora.
    Questo testo mi sembra intriso di pensiero "umano", pure dicendo cose ispirate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...