e già sono cinquanta, caro Dino

Ricordo ancora questo giorno. Eravamo, mia sorella ed io, contente per la recente tua visita della domenica 19 marzo 1961, perché ci annunciasti che avresti trasferito a Firenze, la nostra residenza. Chissà come sarebbe stata la mia vita in quella città? Non lo saprò mai. Non ti è stata regalata questa gioia perché dopo solo tre giorni ci hai lasciate. Per quanto tempo ho cercato di sfugggire questa triste realtà, ma poi tu non ritornavi e lei si prese il sopravvento! Un ulteriore  ingiustizia che anche tu, dopo mamma Gilda,  non ci fossi più. Eri ancora giovane , ma sorella morte ti giocò un scherzo improvviso. Mentre ti accingevi a prendere il caffettino post prandiale, in un bar di Firenze vicino al tuo posto di lavoro, dopo due passi cadesti a terra. A nulla valse la corsa in ospedale.  Questa è la vita. Per gran parte della mia vita sono stata arrabbiata con il destino, ma piano piano tu e mamma vi siete fatti percepire vicini fino alla certezza che voi mi avete accompagnato sempre lungo le parallele della vita,io da una parte e voi, sempre presenti, dall'altra.
Che dirti, caro il mio papy fiorentino? Sono felice di sentire il mio metà sangue fiorentino ancora vivo dentro di me e ne sono fiera. Sii sereno e veglia sui tuoi nipoti Alberto, Guido e Fabio. Specie Fabio che, spessissimo, sentirai più vicino a te mentre vola lassu in alto!
  Ciao babbo!

 L'ultima vacanza insieme.

Annunci

Informazioni su giudig

Non mi piace essere assorbita dalla mentalità del mondo. Ci sono, ma amo fermarmi e assaporare la Vita, attimo per attimo, con le sue gioie e i suoi dolori. E' un dono di Dio e come tale non va sprecata. Amo colui che mi ama da sempre e per sempre. Dio.
Questa voce è stata pubblicata in affetto, amore, famiglia, vita. Contrassegna il permalink.

5 risposte a e già sono cinquanta, caro Dino

  1. fiordicactus ha detto:

    Di prima mattina, non del tutto sveglia (o meglio, sveglia dalle 4,30 e poi, sonnecchiante) mi scappa una lacrima . . . di commozione, non di dolore!
    La colpa e di: "veglia sui tuoi nipoti Alberto, Guido e Fabio. Specie Fabio che, spessissimo, sentirai più vicino a te mentre vola lassu in alto!"

    Ciao, una preghiera anche da parte mia a questo papà fiorentino!

    Ciao, R

  2. FLG ha detto:

    Che bella foto!!!! Tu qui sei carinissima

    Pensa un po', hai degli angeli lassù non da poco: ben due genitori!! 
    Cos'altro hanno da fare se non proteggere voi e i nipoti!? 

  3. Mirtillo14 ha detto:

    Che bella foto e che bellissimo ricordo del tuo papà che è venuto a mancare così giovane.
    Sicuramente ti aiuterà dall'alto, dov'è adesso.
    Ciao

  4. diggiu ha detto:

    @fiore:
    @FLG:
    @mirtillo14:

    Grazie del vostro passaggio e delle vostre parole. Mi fanno immensamente piacere.

  5. martayensid ha detto:

    mi hai commosso!

    un abbraccio ancora più forte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...