Quando ci fermiamo all’apparenza…

I pensieri del Gufo

Gli era stata promessa per la sua festa di laurea un’auto nuova, fiammante, all’uscita dell’università, con il diploma di laurea sotto il braccio. Quale non fu la sua amara sorpresa quando, il giorno fatidico, il padre lo abbracciò sorridente, non però con le chiavi della macchina, bensì con un libro in mano, appena ritirato nella vicina libreria. Una Bibbia. Il giovane neo dottore scagliò rabbiosamente il libro fuori dalla finestra dell’aula e da quel giorno non rivolse più la parola al padre. Rimise piede in casa quando anni dopo gli fu comunicata la notizia della morte dell’anziano genitore. La notte del funerale, mentre rovistava tra le carte della scrivania paterna, trovò la Bibbia che gli era stata regalata il giorno della laurea. In preda a un vago rimorso, soffiò via la polvere che si era depositata sulla copertina del libro e cominciò a sfogliarlo. Scoprì tra le pagine un assegno datato il giorno della laurea e con l’importo esatto dell’auto promessa. La Bibbia: un libro sigillato, inutile e polveroso per tanti. Eppure tra le sue pagine è nascosto il tesoro che tanto sospiriamo…

Annunci

Informazioni su giudig

Non mi piace essere assorbita dalla mentalità del mondo. Ci sono, ma amo fermarmi e assaporare la Vita, attimo per attimo, con le sue gioie e i suoi dolori. E' un dono di Dio e come tale non va sprecata. Amo colui che mi ama da sempre e per sempre. Dio.
Questa voce è stata pubblicata in affetto, amarezza, amore, apparenza, attesa, cuore, dolore, fede, figlio, grazie, morte, pensieri, regalo, vita. Contrassegna il permalink.

15 risposte a Quando ci fermiamo all’apparenza…

  1. sonoqui ha detto:

    Buongiorno cara Amica, un Episodio di Vita che lascia un’amara riflessione e un nodo in in gola.
    Il troppo desiderare, lascia spesso al buio l’anima e il cuore, facendoci perdere la strada di Casa.
    Grazie di cuore
    Ti abbraccio con Amicizia
    Gina

    • giudig ha detto:

      Ciao Gina, sono d’accordo con te. Mia nonna Anna avrebbe detto: chi troppo vuole, nulla stringe! Il figlio avrà anche conseguita una laurea a pieni voti, ma senso della vita e gratitudine per i suoi genitori, zero!

  2. francesco ha detto:

    Superbia e orgoglio accecano e ci portano sempre fuori strada.
    Ciao Gigiolina, un abbraccio!

  3. orofiorentino ha detto:

    Bellissimo racconto che fa capire quanto ci si ferma solo all’apparenza e non si vede la sostanza.
    Molto molto intenso e vero. un gran saluto

  4. fragolaecioccolato ha detto:

    Un racconto amaro ma con morale vera.
    Brava, Giu,
    Buona notte

  5. dagioia ha detto:

    Molto bello questo racconto Giuliana,l’ho fatto leggere anche a mio figlio.
    Ciao carissima,un abbraccio così ci scaldiamo!

  6. cautelosa ha detto:

    Una vicenda esemplare che riempie di amarezza.
    Quanto rancore e quanto rimorso poi, quando è troppo tardi!

    • giudig ha detto:

      Ho provato lo stesso sentimento tuo, dopo averlo letto. Spesso non siamo capaci di mettere da parte il nostro io e creiamo casini immensi! Buona giornata Mariella. 🙂

  7. sonoqui ha detto:

    Ciao Amica mia, un saluto e un abbraccio per un lieto giorno
    Gina

  8. Lucyette ha detto:

    :’-)
    Davvero bello.
    Bello bello bello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...