Storia di una Osteria

fine dei giochi

fine dei giochi

In questa Osteria ci ho messo piede, per la prima volta, il 25 Aprile del 1974. Era il giorno del mio matrimonio. Esisteva già da una decina di anni e la scelsi perché era di fronte al giardino dove troneggia la statua del sommo Piero della Francesca. Era un discreto polmone verde per intrattenere gli invitati prima del ricevimento. Ma la storia fa strani scherzi. A metà 2009, dopo che da un po’ di tempo è rimasta chiusa, è ritornata a vivere presa in gestione da mio figlio  e altri tre soci. Speranza ed entusiasmo hanno caratterizzato il lavoro ma negli ultimi 18 mesi, complice anche la situazione economica che non ha risparmiato la Valtiberina, sono iniziate gravi difficoltà di gestione. Domenica sera è stato l’ultimo giorno di apertura e riaprirà, dopo alcuni lavori urgenti al tetto,  gestita dalla proprietà del locale. Sono rattristata e nemmeno poco. Mi dispiace per il figlio che ha visto svanire il sogno di mantenere vivo il suo progetto, la “sua creatura“.  In questo lasso di tempo c’é passato il mondo dello sport, dell’automobilsmo eco-alternativo e tanti amici.Dico sempre al figlio che molto spesso, nella vita,  si chiude una porta e si apre un portone e gli auguro che ciò avvenga. Ieri sera ha riunito tutto il personale e hanno cenato insieme.

Dulcis in fundo

Dulcis in fundo

Con questo buon dolce si sono salutati. Auguro anche a loro di ritrovare un lavoro nel più breve tempo possibile, alcuni hanno già una prospettiva. 🙂

foto julia

Ricordo

Annunci

Informazioni su giudig

Non mi piace essere assorbita dalla mentalità del mondo. Ci sono, ma amo fermarmi e assaporare la Vita, attimo per attimo, con le sue gioie e i suoi dolori. E' un dono di Dio e come tale non va sprecata. Amo colui che mi ama da sempre e per sempre. Dio.
Questa voce è stata pubblicata in "altro giorno", dolore, fatica, grazie, lavoro, osteria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Storia di una Osteria

  1. Oh! :/
    Non bisogna mai abbandonare la speranza . . . ma dopo una “tegola” ci vuole il tempo di “leccarsi le ferite” . . . e certe volte, ci vuole più tempo! 🙂

    Un abbraccio a tutti e due! Fior ♥

  2. ciccio56 ha detto:

    Mi dispiace, ma auguro al tuo figliolo, con tutto il cuore, che possa presto riprendere a “correre” su una strada asfaltata…………

  3. cautelosa ha detto:

    Un grandissimo augurio al tuo ‘ragazzo’, cara Giuliana, che quel portone si spalanchi al più presto e con tante, tante soddisfazioni, di ogni tipo.
    Un abbraccio a tutti e due.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...