corta e strabica…

così il mio amico Agapetòs ha commentato la giornata della Memoria che viene celebrata domani, 27 gennaio, giorno  dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz.  Per me è doveroso ricordare ma non a senso unico. Sono stata, nel 2008 a Dachau ed ho assorbito, in quel silenzio le urla strazianti di tutti coloro che hanno varcato quel cancello e non ne sono più usciti. Ho letto le barbarie scritte nei vari pannelli allestiti in una baracca ricostruita, tale e quale a quelle distrutte ed ho pregato per tutti nella cappellina del monastero dove suore di clausura pregano sempre per tutte le vittime della violenza e prevaricazione di un uomo verso un altro uomo. La preghiera silenziosa è continuata anche seguendo la visita dei luoghi del campo ove seppellivano le ceneri, suddivise per confessioni. Una sosta più lunga l’ho fatta davanti al luogo ove sono state seppellite le ceneri di cristiani sconosciuti.

Luogo dove sono seppellite le ceneri di cristiani sconosciuti

Luogo dove sono seppellite le ceneri di cristiani sconosciuti. foto diggiu

Da quel giorno penso con sempre più insistenza  a questo luogo dove possono essere ricordate tutte le persone che sono morte, non solo a Dachau ma ovunque si sia deliberatamente e violentemente privato della vita, uomini, donne bambini, in mezzo ad atroci sofferenze e privazioni. Campi di sterminio, gulag, foibe, prigioni di stato..da qualsiasi “…ismo” diretti! Non voglio inveire contro i bruti, i violenti, i terroristi, (sono certa di una giustizia divina) ma pensare ai tanti cristiani che sono stati e sono tuttora perseguitati in tutto il mondo. Dall’Europa all’Asia, dall’Africa all’America al Medio Oriente…. in mezzo alle tante guerre conosciute, volutamente dimenticate o sconosciute. Perché?

Ogni giorno sarà il giorno della loro memoria.

Annunci

Informazioni su giudig

Non mi piace essere assorbita dalla mentalità del mondo. Ci sono, ma amo fermarmi e assaporare la Vita, attimo per attimo, con le sue gioie e i suoi dolori. E' un dono di Dio e come tale non va sprecata. Amo colui che mi ama da sempre e per sempre. Dio.
Questa voce è stata pubblicata in guerra, memoria, ricordo, violenza, vita. Contrassegna il permalink.

4 risposte a corta e strabica…

  1. menùdola ha detto:

    Molto toccante questo post che leggo soltanto ora.
    Come si può non condividere?

    • giudig ha detto:

      Grazie Guido, ho letto con piacere il tuo commento. Ho visto che abiti nella regione da me preferita, dopo la mia Toscana. Sono un’appassionata della montagna e da tantissimi anni vengo ad Andalo in settembre. Quando avevo meno primavere ci andavo anche in inverno a sciare ma adesso non più, purtroppo! 🙂

  2. menùdola ha detto:

    Ho avuto così occasione di scoprire dove si trova il tuo “angolo” di Toscana, di cui vai così orgogliosa e che io invece non conosco (ancora).
    Come sono arrivato al tuo blog? Attraverso la conoscenza pluriennale di Cautelosa (“amica” anche del mio sito) che, osservo, commenti spesso.
    Così apprendo anche che Guido, per te, è un nome importante: mi fa ovviamente piacere e ho letto, con interesse la sua impresa natalizia. Ma io su Facebook non ci sono: non posso quindi interloquire. Complimenti tanti, comunque!
    Se permetti un’osservazione: al post, terzultima riga, toglierei “cristiani”. Non perché ce l’abbia con loro, tutt’altro ma perché la solidarietà credo vada a tutti i tanti popoli perseguitati in ogni angolo di mondo, indipendentemente dal loro credo religioso, del loro colore o della loro razza.
    Ma credo sia d’accodo anche tu.

    • giudig ha detto:

      Sfondi una porta aperta, carissimo Guido. Ho sottolineato i cristiani perchè a nessuno frega niente di ciò che accade loro. Avevo saputo proprio il giorno prima di tragici fatti accorsi in Siria e nel nord Nigeria e li ho uniti a quelli di quella foto, a proposito di memoria. Poi ci sono tutti i morti a causa di prevaricazione umana e persecuzione, ovunque accada. Mio figlio e Cautelosa hanno una cosa in comune. Quando lui nasceva lei si sposava. Con lei mi sono conosciuta di persona nel corso delle mie vacanze montanare. E’ una persona speciale, insieme al suo Husband! Ciao! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...