Quando la mente..

Alla Messa, in parrocchia, incontro spessissimo una amica con sua mamma. La signora Iolanda è quasi novantenne. Una donna di fede e piena di coraggio, dimostrato sempre nelle prove che ha vissuto nella vita. Da alcuni anni la sua mente non è più al 100% a causa di una malattia altamente degenerante. Una azione tranquillizzante per lei è la recita del rosario.

??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????Quando è nervosa e agitata, con la corona in mano inizia a pregare e piano piano si calma. Presenzia alla Messa, anche se dopo dimentica di esserci stata, e risponde attenta alle varie fasi e nei momenti di silenzio il suo rosario è l’arma che la tiene serena. Altro momento importante è quello della raccolta dell’obolo. Si preoccupa di avere una moneta da offrire e finchè la figlia non gliela porge, ripetutamente lei lo ricorda a bassa voce.  Ieri mattina alla Messa è venuta pure la nipote, figlia della mia amica, con le sue due bimbe. La maggiore, 5 anni, come vede la nonna e la nonna grande, si mette nella panca insieme a loro. Iolanda, riceve il bacio della bisnipote e comincia ad osservarla con attenzione e nella sua mente cerca di capire chi possa essere, ma non ci riesce. Allora si avvicina alla figlia chiedendole se quella bella bambina fosse la sua. Alla risposta “si, è la mia nipotina, figlia di Chiara, sorride contenta di averla collocata nella sua mente e con la mano alla bocca le invia un bacio. Mi fa una tenerezza immensa e una tristezza infinita. Nel  mondo in cui la malattia l’ha confinata, non ci si trova bene, ma non ha più niente per uscirne fuori, tranne l’affetto della figlia. E’ fortunata in questo rispetto a tanti altri confinati in istituto. Ha un infinito bisogno di essere rassicurata. Finita la Messa, la saluto con affetto, schioccandole un bacio. Lei  sorride rispondendomi sempre:” a rivederla con salute e pace”.  Grazie Iolanda, possa il Signore mantenerla nella Sua pace.

Annunci

Informazioni su giudig

Non mi piace essere assorbita dalla mentalità del mondo. Ci sono, ma amo fermarmi e assaporare la Vita, attimo per attimo, con le sue gioie e i suoi dolori. E' un dono di Dio e come tale non va sprecata. Amo colui che mi ama da sempre e per sempre. Dio.
Questa voce è stata pubblicata in affetto, amore, memoria, sofferenza, tristezza, vecchiaia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Quando la mente..

  1. Misterkappa ha detto:

    Bel post, mi piace! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...